Bologna, progetto “BenEssere” per giovani con esperienze di accoglienza eterofamiliare

Compiere 18 anni e trovarsi a diventare adulti troppo in fretta. Finalmente un nuovo servizio per promuovere il benessere psicologico dei ragazzi che crescono in affido, comunità o casa-famiglia o provenienti da percorsi penali e che, una volta maggiorenni o conclusa la pena, rischiano di trovarsi soli: è “BenEssere”, il nuovo progetto realizzato a Bologna dall'associazione Agevolando in collaborazione con l'Istituzione per l’inclusione sociale Achille Ardigò e Paolo Serra Zanetti e con Case Zanardi e con il contributo della Regione Emilia-Romagna, di Fondazione Carisbo, Csapsa e Csapsa 2.

Dal 26 novembre è aperto, proprio nella sede di Case Zanardi in via Capo di Lucca 37, un nuovo Spazio di ascolto e supporto psicologico individuale chiamato “Ci sono anche io” e saranno attivati dei laboratori di gruppo “ConoscendoMi-ConoscendoCi”. Entrambi i servizi, gratuiti e a libero accesso, si rivolgono ai ragazzi tra i 14 e i 26 anni che vivono o hanno vissuto in comunità o in affido o afferenti al carcere minorile.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/11/30 10:05:00 GMT+1 ultima modifica 2018-11-30T10:08:44+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina