Reggio Emilia, una chiamata a diventare “volontari civici”

Una chiamata al volontariato civico dei reggiani si realizza con l’avvio di“R+, più volontari più Reggio”, promosso dal Comune di Reggio Emilia in collaborazione con DarVoce e Forum Terzo settore. Grazie al progetto, presentato nell’ambito della scorsa edizione dei Social Coesion Days – viene messa a sistema, tramite il supporto del sito internet istituzionale del Comune con la sezione dedicata www.comune.re.it/errepiu, la rete delle diverse proposte di volontariato promosse dall’Amministrazione comunale con le associazioni e le cooperative ed organizzazioni del Terzo settore, permettendo così ai cittadini di essere aggiornati in tempo reale sulle opportunità di partecipazione.

Per iscriversi ad R+ e diventare così un volontario civico, occorre compilare il form online presente sul sito del progetto oppure presso l’Urp Comune Informa di via Farini 1, Reggio Emilia. Una volta iscritti, si verrà ricontattati per un incontro conoscitivo nel corso del quale valutare, in base alla disponibilità di tempo e alle competenze, quale sia il progetto più adatto che la persona interessata può svolgere.

Si può diventare volontari se:

  • si ha un’età compresa tra i 18 e gli 80 anni (tra i 75 e 79 anni, è necessaria la presentazione, con cadenza annuale, di certificato medico che attesti l'idoneità psico/fisica). Possono aderire anche i cittadini che hanno compiuto 15 anni di età, a condizione che la richiesta sia autorizzata (mediante sottoscrizione di relativo modulo) da chi esercita la responsabilità genitoriale;
  • si è residente o domiciliato nel Comune di Reggio Emilia;
  • si è un cittadino straniero in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • non si hanno nessuna forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo con il Comune di Reggio Emilia.

Chi partecipa a ErrePiù sarà iscritto nel Registro dei Volontari, potrà conoscere altri volontari, entrare in relazione con associazioni e Amministrazione e partecipare a momenti formativi e eventi dedicati. Dopo l’iscrizione, i volontari saranno convocati per un primo colloquio di orientamento presso uno sportello dedicato, collocato nella sede di DarVoce, che il Forum territoriale Terzo settore ha individuato quale referente ed interlocutore operativo per quanto riguarda le attività da svolgere. Durante i colloqui per l’orientamento, che si svolgeranno tutti i mercoledì mattina, ciascun volontario sarà indirizzato verso la realtà associativa più affine alla propria sensibilità e alle proprie capacità.

 

 

 

 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/04/10 11:02:34 GMT+2 ultima modifica 2019-04-10T11:02:34+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina