Immigrazione: presenze, lavoro, beneficiari SPRAR. La fotografia di Bologna

E’ stato presentato nella sede della Città metropolitana di Bologna il Dossier statistico immigrazione IDOS/Confronti, il rapporto socio-statistico che ogni anno presenta e analizza il panorama migratorio europeo, italiano e regionale.

La presentazione è stata organizzata, con il patrocinio della Città metropolitana da Africa e Mediterraneo, focal point regionale del Dossier.

In Emilia Romagna i residenti stranieri al 31 dicembre 2018 erano 547.537, pari al 12,3% della popolazione complessiva con un incremento di 11.563 unità (+2,2%) rispetto al 2017.

Le province con maggiore presenza percentuale di stranieri sono: Piacenza (14,7%), Parma (14,2%), Modena (13,2%) e Reggio Emilia (12,3%).

Le nazionalità più rappresentate sono: Romania (17,2%), Marocco (11,2%), Albania (10,6%), Ucraina (6,0%), Cina (5,5%), Moldova (5,1%) e Pakistan (4,1%).

I bambini nati da almeno un genitore straniero sono il 24,3% del totale, una presenza stabile e strutturale, come dimostra il fatto che i permessi di soggiorno di lungo periodo (oltre 5 anni di residenza) sono il 66,7% del totale.

Nella nostra regione gli occupati stranieri sono 251.462, pari al 12,5% del totale. In calo di 4.500 unità rispetto al 2017. Il 5,3% è occupato nell’agricoltura, il 32,4% nell’industria e il 62,4% nel terziario.

Le retribuzioni rilevate dall’ISTAT in Emilia-Romagna corrispondono a 1.441 euro netti mensili per gli italiani e 1.097 euro per gli stranieri. Lo scarto del 23,9% dipende dalle diverse mansioni svolte e dalla minore anzianità.

Le imprese con titolare straniero sono 53.046 pari all’11,7% del totale (+2,8%) rispetto al 2017. Le rimesse degli immigrati in Emilia-Romagna sono pari a 572 milioni di euro. Importanti anche le ricadute fiscali: il gettito dei duecentocinquantamila lavoratori stranieri ammonta a 1,3 miliardi di euro. I contributi previdenziali versati a 1,4 miliardi di euro.

Nel territorio al 30/06/2019 i beneficiari del progetto SPRAR/Siproimi sono 1179 di cui 37 donne singole 586 uomini singoli, 3 transgender, 63 nuclei monoparentali, 245 nuclei familiari, 51 vulnerabili, 194 MSNA.

Nell’area della Città Metropolitana di Bologna sono attualmente disponibili un totale di 2.090 posti suddivisi nei diversi distretti: 919 posti nel distretto Bologna città, 340 nel distretto Pianura Est, 172 nel distretto Reno – Lavino – Samoggia, 119 nel distretto Pianura Ovest, 166 nel distretto San Lazzaro di Savena, 183 nel distretto Appennino Bolognese, 191 nel distretto Imola.

Per approfondimenti: https://www.dossierimmigrazione.it/

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/28 10:14:47 GMT+1 ultima modifica 2019-10-28T10:14:47+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina