domenica 22.04.2018
caricamento meteo
Sections

Combattere il disagio giovanile passa anche dall'educazione ai social network

Possiamo fare molto per combattere il disagio degli adolescenti, prima di tutto cercando di parlare il loro linguaggio, utilizzando i loro stessi strumenti di comunicazione ed educandoli a un utilizzo consapevole e sicuro di essi. E poi utilizzando e valorizzando quelle strutture già presenti sul territorio - di aggregazione ludica, culturale e di sostegno allo studio come le associazioni del terzo settore, lo scoutismo laico e cattolico, gli oratori - che ricoprono un'importante funzione sociale per il tempo extrascolastico dei bambini e dei ragazzi. 

Ho fortemente voluto, insieme a diversi consiglieri del gruppo di maggioranza, apportare alcune modifiche alla legge regionale sui giovani (n. 14 del 2008) proprio per promuovere, tra le altre cose, l'educazione ai social network e iniziative di formazione contro il bullismo in rete rafforzando la collaborazione tra istituzioni pubbliche e agenzie educative esterne. Abbiamo così adeguato la nostra legislazione alle sfide che ogni giorno arrivano da fuori.

La Regione, pur riconoscendo i nuovi media come fondamentali strumenti per lo sviluppo del senso critico, della capacità di analisi dei messaggi e delle strategie comunicative, dell'uso creativo e consapevole delle potenzialità espressive proprie dei diversi strumenti di comunicazione, non infatti può ignorare i pericoli derivanti dall'abuso o dall'utilizzo improprio di questi mezzi. Perciò le nuove norme sostengono iniziative di ricerca e progetti di formazione rivolti alle giovani generazioni riguardanti l'educazione alla comprensione e all'uso dei linguaggi multimediali e la prevenzione di un fenomeno come il cyberbullismo che porta all’ isolamento completo degli adolescenti che ne diventano vittime e a fatti gravissimi come talvolta persino il suicidio. 

Non possiamo eludere il fatto che i fenomeni di violenza verbale e sociale tipici degli adolescenti si siano oggi trasferiti sulla rete, che ne amplifica a dismisura gli effetti con la riproposizione di immagini e filmati postati con troppa leggerezza per deridere e ferire. La Regione quindi metterà in campo specifiche politiche di welfare rivolte ai più giovani con azioni che verranno svolte anche attraverso convenzioni con centri studi, poli specialistici, e università. Abbiamo più volte sottolineato come uno degli obiettivi forti del nostro mandato sia quello di “ricalibrare” le risorse regionali sui bambini e sugli adolescenti, quelli che saranno gli adulti di domani, i timonieri della nostra società. 

Le modifiche alla legge regionale 14/2008 sono solo l’inizio; intendo infatti andare avanti con determinazione nel settore delle politiche per i minori avviando un percorso di confronto e discussione con tutti i soggetti coinvolti per cercare di capire se gli strumenti regolativi e normativi che abbiamo a disposizione per guidare l’intervento pubblico e rendere efficace la collaborazione tra pubblico e privato siano ancora adeguati oppure debbano essere ulteriormente affinati. Col pensiero sempre rivolto a quella generazione, talvolta smarrita talvolta incerta che sta percorrendo la zona grigia del passaggio dall’infanzia alla vita adulta e che non può mai essere lasciata sola.  

Elisabetta Gualmini

Vicepresidente e assessore al Welfare

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/07/2016 — ultima modifica 01/08/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it