sabato 22.09.2018
caricamento meteo
Sections

La casa. Primo passo per progettare la propria vita

In tanti lo aspettavano e ora finalmente siamo ai blocchi partenza. Parte il bando “Una casa per le giovani coppie”, alla sua undicesima edizione. Una delle iniziative di maggiore successo della Regione Emilia-Romagna che in quasi 10 anni, dal 2009 in avanti, ha ottenuto un successo indiscutibile consentendo di aiutare 2.161 famiglie nell’acquisto della prima casa.

Possedere un’abitazione propria è ancora per molti un sogno, un primo tassello per dare forza ai propri progetti esistenziali e alla qualità stessa della vita, il luogo privilegiato dove si possono sviluppare relazioni sociali e dove si possono crescere dei figli, e come tale, un pilastro centrale del sistema di welfare. Quando si incrina qualcosa dal punto di vista abitativo, al contrario, si scatena un circolo vizioso di debolezze che rischiano poi di far cadere le persone in situazioni di marginalità sociale, da cui non sempre è facile rialzarsi. La casa nel bene e nel male fa la differenza. Ti dà forza e sicurezza, oppure rischia di gettarti in una spirale di esclusione. Non a caso, come giunta abbiamo scelto di ricondurre le politiche abitative sotto il cappello del welfare, diversamente da come succedeva in passato.

Il bando, che stanzia complessivamente 15 milioni di euro, una cifra superiore a quella concessa con l’ultimo avviso, presenta un’importante novità: per la prima volta il finanziamento è suddiviso in due distinti canali. Il primo vale 4,5 milioni di euro per interventi di riqualificazione e recupero del patrimonio abitativo già esistente, volti cioè a migliorarne la qualità architettonica, l’efficienza sismica ed energetica. Il secondo conta 10,5 milioni di euro in forma di contributi per garantire alle giovani coppie, ma anche, ai single, a nuclei monogenitoriali e a famiglie numerose, l’acquisto di alloggi nuovi, ad oggi invenduti. Si allinea dunque perfettamente con gli obiettivi di rigenerazione urbana e riduzione del consumo di suolo fissati dalla nuova legge urbanistica, da poco varata.

Con l’approvazione del nuovo bando vogliamo dare un segnale importante di responsabilità: garantire fiducia a quei giovani che desiderano costruirsi una prospettiva futura sganciandosi dal nucleo di origine, crearsi una famiglia propria, definire un progetto di vita a lungo termine. Nello stesso tempo sarà possibile dare una spinta al settore edilizio permettendo a costruttori e operatori di lavorare e di rimettere in moto il mercato, in un momento in cui si sentono ancora gli effetti della crisi del 2009-2014.  L’obiettivo è dunque duplice; dare un contributo significativo a chi, anche grazie a un mutuo, pensa di acquistare un appartamento e al contempo investire su un settore economico importantissimo. Nel segno, come sempre, di una grande concretezza.

Elisabetta Gualmini

Vicepresidente e assessore al welfare

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 30/04/2018 — ultima modifica 30/04/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it