mercoledì 18.10.2017
caricamento meteo
Sections

“Migranti e salute: le risorse della comunità."

9 aprile 2014. “Migranti e salute: le risorse della comunità.L’esempio dei progetti di prevenzione degli incidenti domestici”. A partire da due sperimentazioni condotte con successo nella nostra Regione, è stato messo in evidenza come l’utilizzo di strategie trasversali nella progettazione degli interventi e l’attivazione delle risorse della comunità migrante possano rappresentare due fondamentali fattori di efficacia per parlare di prevenzione e salute a quella popolazione. Monica Raciti , Responsabile del Servizio Politiche per l'Accoglienza e l'Integrazione sociale e Roberta Mori, Presidente della Commissione assemleare Pari Opportunità della Regione hanno introdotto i lavori. Marinella Natali, del Servizio Sanità Pubblica, ha illustrato i le azioni contenute del piano regionale della prevenzione in materia di incidenti domestici e presentato le dimensioni del fenomeno; Laura Vicinelli, dell'AUSL di Bologna ha presentato i risultati del progetto "Donnecare" rivolto alle comunità di donne migranti e condotto su tutto il territorio regionale con il supporto delle mediatrici culturali dell'Associazione Intrecci, una rete che riunisce tutte le associazioni di donne migranti presenti in regione. Adele Ballarini, del Servizio Sanità Pubblica, ha illustrato gli esiti del progetto di prevenzione degli incidenti domestici associato ai corsi di lingua italiana per stranieri, che ha permesso di raggiungere in pochi mesi oltre 1500 migranti. Nella seconda sessione Barbara Burgalassi, del Servizio Politiche per l'accoglienza e l'integrazione sociale, ha introdotto le realtà delle reti di migranti in Emilia-Romagna, e coordinato una tavola rotonda alla quale sono intervenuti i rappresentanti di alcune reti tematiche per l'integrazione: per la rete MIER (Media interculturali dell'Emilia-Romagna) Faustin Akafack, per la rete Together (gruppi associativi ed informali giovanili) Federica Tarsi, per la rete INTRECCI (associazioni di donne migranti e native) Marinella Ciochina e Alessandra Lazzari , per la Rete dei Centri interculturali dell'Emilia-Romagna Mahta Woldezghi. Emanuela Bedeschi, Dirigente del Servizio Sanità Pubblica, ha concluso i lavori presentanto criticità e prospettive negli interventi di prevenzione rivolti alle popolazioni migranti presenti nella nostra regione.

Il piano regionale della prevenzione degli incidenti domestici e gli interventi per la popolazione migrante

Intervento di Marinella Natali – Servizio Sanita’ Pubblica Regione Emilia-Romagna

Mediazione culturale e prevenzione degli incidenti domestici: il progetto Donnecare

Intervento di Laura Vicinelli – Dipartimento Sanita’ Pubblica AUSL - Bologna

A scuola di prevenzione: la prevenzione degli incidenti domestici e i corsi di lingua italiana per stranieri

Intervento di Adele Ballarini – Servizio Sanita’ Pubblica Regione Emilia-Romagna

Per una comunità interculturale Programma triennale 2014-2016 per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri

Intervento di Monica Raciti - Responsabile Servizio Politiche per l’accoglienza Regione Emilia-Romagna

Riconoscere e valorizzare le reti di migranti

Intervento di Barbara Burgalassi - Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale Regione Emilia-Romagna

Giovani: le risorse della comunità

Intervento di Centro interculturale MONDOINSIEME

Fare comunita’ in Emilia-Romagna: criticita’e prospettive negli interventi di prevenzione rivolti alle popolazioni migranti

Intervento di Emanuela Bedeschi – Servizio Sanita’ pubblica - Regione Emilia-Romagna

< archiviato sotto: , , >
Azioni sul documento

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it