mercoledì 20.08.2014
caricamento meteo
Sections

Migrazioni,interazione,sviluppo

1 luglio 2013. L’evoluzione futura della struttura demografica del nostro Paese dipende, in gran parte, dalla combinazione degli effetti dei flussi demografici naturali e migratori. Secondo lo scenario centrale previsto da Istat, nel 2050 la popolazione residente in Italia sarà pari a 61,6 milioni, dai 60 milioni attuali, di cui meno di 50 milioni saranno cittadini italiani. Per rispondere a questo cambiamento la Regione Emilia Romagna prendendo spunto da quanto è stato fatto sino ad ora , ( Legge regionale , clausolo valutativa , piano triennale, e mettendo in valorizzazione un progetto strategico,finanziato nell’ambito dell’obiettivo di cooperazione territoriale europea 2007 /2013 –Programma Operativo Sud Est Europa, dal titolo Making Migration Workfor Development Policy tools for strategic planning in SEE region and cities ( MMWD), di cui è capofila, ha organizzato questo convegno con l’obiettivo di discuterne insieme a decisori politici, europei e nazionali

L'immigrazione in Emilia-Romagna. Il video

Video realizzato in occasione del Convegno "Migrazioni, interazione, sviluppo: Emilia - Romagna nell’Europa che cambia" del 1 luglio 2013. Il contenuto del video riporta alla Relazione alla Clausola valutativa, prevista dall'art. 20 della L.R. 5/2000, che restituisce la valutazione dei risultati delle politiche di integrazione in Emilia-Romagna

La scelta dell'integrazione dei migranti

Intervista a Matilde Calleri Galli - Presidente dellistituzione per l'inclusione sociale del Comune di Bologna

Immigrazione e lavoro: regole chiare per una giusta convivenza

Intervista ad Albero Vacchi - Presidente Unindustria Bologna

L'Europa cresce solo se c'è' un vero progetto europeo

Parla Stefano Manservisi, direttore generale affari interni Commissione europea

Europa 2020: nuove domande per nuovi scenari

Nel 2020 i giovani con una cittadinanza diversa da quella italiana in Emilia-Romagna rappresenteranno quasi un terzo del totale e oltre un terzo nel 2050, mentre nello spazio di una generazione un terzo degli italiani avrà più di 65 anni. Pochi numeri per fare la misura di quanto i cittadini non italiani siano parte integrante del nostro futuro e della necessità di definire politiche di sviluppo di qualità per una cittadinanza equa e coesa. Il progetto europeo Making Migration Work for Development, di cui la Regione è capofila, va in questa direzione. Ne parla il direttore scientifico Anna Lucia Colleo

Azioni sul documento

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it