Coordinamento regionale infanzia e adolescenza

Cosa fa la Regione

Ruolo e compiti

Il coordinamento è un organismo consultivo della giunta regionale che ha l’obiettivo di dare maggiore impulso ad un’azione complessiva di attuazione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. 

L’articolo 2 del regolamento, approvato con deliberazione di giunta regionale, ne fissa il ruolo e i compiti: «Il coordinamento regionale opera quale sede di proposta, studio e promozione per la diffusione di una corretta cultura dei diritti dei bambini e degli adolescenti, confronto, messa in rete delle buone pratiche, coordinamento e collaborazione tra la Regione e il sistema dei servizi a favore dell’infanzia e dell’adolescenza e della genitorialità».

Composizione

È un organismo ampio, che coinvolge tutte le istituzioni che hanno competenze in materia di infanzia e adolescenza, il mondo dell’associazionismo e del volontariato ed è presieduto dall’Assessore regionale al Welfare e alle Politiche abitative.

Fanno parte del Coordinamento, tra gli altri, i presidenti di Provincia o gli assessori provinciali competenti, insieme ad alcuni sindaci e rappresentanti del terzo settore. Come associazioni per la tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che, sono state individuate Save the Children e Unicef per la loro rilevanza internazionale.

Sono invitati permanenti del Coordinamento il Garante regionale dei diritti dell’Infanzia, i responsabili della Giustizia minorile in Emilia-Romagna e il direttore dell’Ufficio scolastico regionale.

Costituzione

Il Coordinamento regionale per l’attuazione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si è insediato formalmente il 20 novembre 2013, Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia, in cui si celebra l'anniversario della firma della Convenzione approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1989.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/03/05 11:25:00 GMT+1 ultima modifica 2018-11-23T15:01:16+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina