Interventi per il miglioramento delle condizioni di vita nei campi nomadi

A giugno 2012 la Giunta regionale ha approvato una serie di interventi per il miglioramento delle condizioni di vita nei campi nomadi del territorio:

- attraverso la messa a norma degli impianti e l’ammodernamento delle strutture

- attraverso la riduzione del sovraffollamento nei campi, anche attraverso l’acquisto di aree per lo spostamento di campi e/o persone per ragioni di sicurezza, sociali e urbanistiche.

La scelta degli ambiti di intervento è derivata dalla rilevazione triennale promossa dalla Regione di concerto con le amministrazioni provinciali. L'indagine ha rilevato che i problemi maggiori riguardano l’illuminazione pubblica (presenti nell'80,8% dei campi), la disponibilità di strutture per i servizi igienici (presenti nell'88,5% ), le docce (presenti nell'80,8%). Sono 1.782 in tutto le persone che vivono nei campi, concentrate soprattutto in provincia di Bologna (500), Modena (446), Reggio Emilia (428). I campi sono spesso sovraffollati, privi di servizi essenziali e delle condizioni minime di sicurezza.

Con la  Delibera di Giunta regionale n. 808 del 18 giugno 2012 (pdf, 345.9 KB), quindi, la Giunta della Regione Emilia-Romagna ha approvato il Programma di interventi per il miglioramento delle condizioni di vita nei campi nomadi in Emilia-Romagna ai sensi della Legge regionale n. 47/1988 e successive modificazioni.

Esso si inserisce nella Strategia europea 2020 con la quale la Commissione europea promuove l’inclusione delle popolazioni Rom e Sinte. Il Programma mette a disposizione la somma di € 1.090.000 per riqualificare 57 aree in cui vivono Sinti e Rom.

I fondi sono ripartiti nelle singole province in base alla rilevazione della popolazione al 30/11/2009: Bologna € 305.200,00; Modena € 272.500,00; Reggio Emilia € 261.600,00; Piacenza € 98.100,00; Ravenna € 45.780,00; Rimini € 41.420,00; Ferrara € 37.060,00; Parma € 28.340,00.

La delibera è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna n. 113 del 4 luglio 2012.

Successivamente si è provveduto con la Delibera di Giunta regionale n. 2089 del 28 dicembre 2012 (pdf, 359.9 KB), pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna n. 19 del 28 gennaio 2013, ad assegnare i contributi in conto capitale ai Comuni nell'ambito del Programma di intervento per il miglioramento delle condizioni di vita nei campi nomadi in Emilia-Romagna e ad approvare le modalità di concessione, impegno e liquidazione degli stessi.

Le progettualità sono state avviate, realizzate e concluse nel periodo 2013 - 2016 nella loro totalità di 13 interventi raggiungendo i loro obiettivi.

Azioni sul documento

pubblicato il 2013/06/20 11:35:00 GMT+1 ultima modifica 2017-02-14T11:39:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina