mercoledì 24.01.2018
caricamento meteo
Sections

Giornata sulla tutela della continuità affettiva nell'affidamento

Dettagli dell'evento

Quando

01/12/2017
dalle 09:30 alle 16:30

Dove

Bologna, Sala 20 maggio 2012, Regione Emilia-Romagna, viale della Fiera 8

Persona di riferimento

Recapito telefonico per contatti

0515277524

Partecipanti

Elisabetta Gualmini, Vicepresidente e Assessore al Welfare e Politiche abitative, Regione Emilia-Romagna
- Gianluca Borghi, Amministratore Unico ASP, Città di Bologna
- Silvia Marzocchi, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni dell’Emilia-Romagna
- Gina Simoni, Responsabile Servizi e Interventi per Famiglie e Minori, Comune di Bologna
- Marco Giordano, Tavolo Nazionale Affido
- Clede Maria Garavini, Garante dell’infanzia e dell’adolescenza, Regione Emilia-Romagna
- Massimo Dogliotti, Magistrato della Corte di Cassazione, Professore di Diritto di famiglia, Università di Genova
- Valter Martini, Tavolo nazionale affido
- Sen. Francesca Puglisi, presentatrice della legge n. 173/2015
- Liana Burlando, Responsabile Unità Operativa Minori, famiglie e lotta alla povertà, Direzione Politiche Sociali, Comune di Genova
- Dante Ghezzi, Psicologo e Psicoterapeuta, Centro TIAMA di Milano, Scuola di psicoterapia Mara Selvini
- Antonella Caprioglio, Dirigente settore Politiche per le famiglie, giovani e migranti, pari opportunità e diritti, Direzione Coesione Sociale, Regione Piemonte

Aggiungi l'evento al calendario

Seminario sul tema "La tutela della continuità affettiva delle bambine e dei bambini in affidamento. Il ruolo delle istituzioni, delle famiglie e delle associazioni".

A distanza di due anni dall’approvazione della Legge 173/2015 “Modifiche alla legge 4 maggio 1983 n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare", il Coordinamento Nazionale Servizi Affidi ed il Tavolo Nazionale Affido in collaborazione con la Regione Emilia Romagna e con gli Enti Locali, hanno ritenuto opportuno organizzare un seminario per fare un primo bilancio, anche con altri ambiti territoriali, che valorizzi le positive procedure attivate ed affronti le criticità ancora presenti.

Questa normativa non si limita a prevedere la possibilità che un minore affidato, se dichiarato adottabile, possa essere adottato dagli affidatari, se in possesso dei requisiti previsti, ma sottolinea anche la necessità di assicurare la continuità delle positive relazioni socio-affettive consolidatesi durante l’affidamento, anche quando egli «fa ritorno nella famiglia di origine o sia dato in affidamento ad un’altra famiglia o sia adottato da altra famiglia».

La legge valorizza inoltre il ruolo degli affidatari in tutti i procedimenti civili in materia di responsabilità genitoriale, di affidamento e di adottabilità e introduce l’obbligo per i giudici minorili di ascoltare gli affidatari prima di decidere sul futuro dei minori da loro accolti.

Il seminario sarà l’occasione per dare voce a quanti sono impegnati nell’attuazione di questa normativa e per presentare il documento “Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015” condiviso dal Tavolo nazionale affido.

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/11/2017 — ultima modifica 30/11/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it