lunedì 16.07.2018
caricamento meteo
Sections

Guida all'informazione sociale

Fatti e numeri dell'Emilia-Romagna in continuo aggiornamento

Carcere: detenuti e salute

Sei detenuti su 10 fumano. Il 30% ha una diagnosi di tossicodipendenza. Nel 2013 non ci sono stati suicidi, ma in 126 hanno tentato di togliersi la vita (erano 67 nel 2012) e i casi di autolesionismo sono aumentati (passando da 157 a 811)

Nel 2008 tutte le funzioni sanitarie svolte dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e dal Dipartimento di giustizia minorile sono state trasferite al Servizio sanitario nazionale (Ssn), comprese quelle che riguardano il rimborso alle comunità terapeutiche per i tossicodipendenti e per i minori affetti da disturbi psichici. Le funzioni trasferite sono garantite dalle Regioni attraverso le Aziende sanitarie locali. Nel 2012 la Regione Emilia-Romagna ha destinato 17 milioni di euro alla sanità penitenziaria, coprendo con proprie risorse le spese sostenute dalle Ausl.

Stato di salute dei detenuti. Circa il 70% dei presenti nelle carceri della regione ha una patologia unica o comorbidità di varia gravità. Fuma quasi il 60% dei detenuti. L’esercizio fisico risente dell’organizzazione dell’istituto, di obblighi e limitazioni orarie. Le caratteristiche qualitative dell’alimentazione sono condizionate anche dal sovraffollamento. Costante ed elevato in percentuale, in particolare, il consumo di psicofarmaci e farmaci per l’apparato gastro-intestinale.

Nonostante la legislazione italiana preveda la possibilità per i tossicodipendenti di scontare la pena all’esterno, presso comunità di recupero, le persone in carcere con problemi di tossicodipendenza sono circa il 30% dei presenti: il 29,3% dei detenuti ha una specifica diagnosi di tossicodipendenza (ben al di sopra della media nazionale che è del 19,4%). La sostanza elettiva di uso/abuso è l’eroina (54,2% dei detenuti contro il 39% degli utenti dei Sert). I dipendenti da cocaina sono il 23,1% (contro il 7,6% degli utenti Sert).

Suicidi e tentati suicidi in carcere. I suicidi negli istituti penitenziari regionali sono dimezzati dal 2011 al 2012, passando da 6 a 3 in un anno. Nel 2013 non ci sono stati casi di suicidi, anche se sono aumentati i casi di autolesionismo (811 contro 157 dell’anno precedente) e di tentati suicidi (126 contro 67 del 2012).

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/06/2014 — ultima modifica 26/06/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it