mercoledì 24.01.2018
caricamento meteo
Sections

Guida all'informazione sociale

Fatti e numeri dell'Emilia-Romagna in continuo aggiornamento

Famiglia: Nuclei familiari e numero dei figli

Dal 2007 al 2011 i cittadini che vivono in famiglia in Emilia-Romagna sono cresciuti del 2% e le famiglie sono aumentate del 6%, mentre il numero dei componenti si è man mano ridotto passando da 2,26 a 2,18 (media).

Dal 2007 al 2011 i cittadini che vivono in famiglia in Emilia-Romagna sono cresciuti del 2% e le famiglie sono aumentate del 6%, mentre il numero dei componenti si è man mano ridotto passando da 2,26 a 2,18 (media). I dati – contenuti in “Fotografia del sociale” Regione Emilia-Romagna, marzo 2014 – sono in linea con quelli nazionali: i componenti passano da 2,44 a 2,29, la popolazione è cresciuta dello 0,2% e le famiglie del 6,5%.

Quali sono le cause? La riduzione della fecondità, la crescita dell’instabilità coniugale e il diffondersi di nuove forme di famiglia.

Tra il 2006 e il 2011 sono aumentate le famiglie formate da 1 o 2 persone, mentre sono calate quelle numerose (5 o più). Rimangono stabili le famiglie con 3 o più componenti.

Nel 2011 in regione le famiglie formate da una sola persona e le coppie con figli (con un solo nucleo familiare) sono il 32% del totale (in Italia sono rispettivamente il 29,4% e il 37,2%). Va sottolineato che mentre il numero di coppie con figli è rimasto stabile tra il 2006 e il 2011, le famiglie unipersonali sono invece cresciute in modo sensibile (+14,5%).

Rispetto al 2006-2007 le coppie senza figli (famiglie con un solo nucleo) sono aumentate dell’11%, rappresentando nel 2011 il 24% del totale. Sicuramente su questa situazione ha influito il calo delle nascite dal 2009 in poi. Il 7,7% delle famiglie è rappresentato da monogenitori, di cui più dell’80% sono donne.

Famiglie

Nel 2011 il 43% delle persone che vive da sola ha più di 65 anni. Man mano che aumenta l’età si inverte il rapporto di genere tra le persone sole: tra gli under 65 gli uomini soli sono il 51,5%, mentre tra gli over 65 la percentuale scende al 19,7% (dati 2011).

Famiglie monogenitoriali. Sono composte soprattutto da madri sole. Si tratta di una tipologia di famiglia cresciuta negli ultimi decenni soprattutto a causa della instabilità coniugale. Tra monogenitori con meno di 65 anni, il 70% risulta separato o divorziato. Dopo i 65 anni la quasi totalità dei monogenitori (il 92%) è in questa condizione a causa della vedovanza.

Famiglie con più nuclei. Si tratta di una componente abbastanza residuale in regione. Ne fanno parte esperienze molto diverse tra loro: si va dalle famiglie ricostituite in cui conviventi non ri-sposati e con figli da precedente unione formano 2 nuclei monogenitore alle giovani coppie che condividono l’abitazione con i genitori.

Glossario

Per classificare le famiglie si distingue in base all’esistenza di un nucleo familiare (dato dalla relazione coniugale oppure da quella genitoriale (identificata se sono presenti figli celibi o nubili). Le persone della famiglia che non appartengono al nucleo familiare sono detti “membri isolati”.

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/06/2014 — ultima modifica 26/06/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it