venerdì 24.03.2017
caricamento meteo
Sections

Infanzia e adolescenza

P.I.P.P.I. Programma di Intervento per la Prevenzione dell’Istituzionalizzazione

Il Programma P.I.P.P.I.

logo PippiP.I.P.P.I., Programma di interventi per la prevenzione dell’istituzionalizzazione si colloca nell’alveo dell’attuazione della cd. legge dueottocinque (n. 285/97 "Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza"), prende vita nel dicembre 2010 ed è il risultato di una collaborazione tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Università di Padova e i servizi sociali delle 10 Città italiane – Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Torino, Venezia – che hanno aderito alla sperimentazione.

Il progetto è stato l’occasione per costruire sul territorio reti di intervento che hanno portato al coinvolgimento delle altre filiere amministrative – scuola e AUSL – nonché del privato sociale, con  la finalità di innovare le pratiche di intervento nei confronti delle famiglie negligenti al fine di ridurre il rischio di allontanamento dei bambini dal nucleo familiare d’origine, tenendo in ampia considerazione la prospettiva dei genitori e dei bambini stessi nel costruire l’analisi e la risposta ai loro bisogni.

A febbraio 2013, dopo 18 mesi di sperimentazione la verifica finale ha messo in evidenza come effettivamente per le famiglie prese in carico con il Programma si sia ridotto significativamente il rischio di allontanamento – sostanzialmente nessun bambino è stato allontanato – mentre nel gruppo delle famiglie di controllo il 20 % circa dei bambini è stato allontanato all’aumentare delle condizioni di rischio.

Di recente è partita la terza edizione della sperimentazione, ormai consolidata, che si è estesa dalle dieci città a 50 ambiti territoriali in 18 Regioni di cui l’evento nel presente programma non è che uno dei primi passi.

P.I.P.P.I. non si propone di formare nuove figure professionali, ma di rimotivare, riqualificare, accompagnare le esistenti, formandole alle teorie, al metodo e agli strumenti previsti dal programma in modo che l’attività di implementazione sia anche un modo per formare delle risorse umane che divengano patrimonio stabile degli Ambiti Territoriali.

Nel 2013 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Emilia-Romagna hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa (DGR n. 1947/13) per la realizzazione di un allargamento ai territori regionali della sperimentazione del modello di intervento P.I.P.P.I. (Programma di Intervento per la Prevenzione dell’istituzionalizzazione). In Emilia-Romagna il progetto coinvolge gli ambiti territoriali della provincia di Bologna e gli ambiti distrettuali di Modena, Reggio Emilia e Forlì.

Nel 2014 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato un nuovo bando, con Decreto Direttoriale n. 162 del 6 ottobre 2014, recante “Linee guida per la presentazione da parte di Regioni e Province autonome di proposte di adesione alla sperimentazione del modello di intervento P.I.P.P.I”. La Regione Emilia-Romagna potrà presentare al Ministero – entro la scadenza del 7 novembre – proposte progettuali relative a 3 ambiti territoriali. L’ammontare finanziabile dal Ministero per ciascun ambito territoriale non può essere superiore a euro 50.000 e il proponente deve garantire un cofinanziamento al 20%.

Nel 2015 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato un nuovo bando, con Decreto Direttoriale n. 78 del 5 agosto 2015, recante “Linee guida per la presentazione da parte di Regioni e Province autonome di proposte di adesione alla sperimentazione del modello di intervento P.I.P.P.I”. La Regione Emilia-Romagna ha presentato al Ministero – entro la scadenza del 15 ottobre – proposte progettuali relative a 4 ambiti territoriali. L’ammontare finanziabile dal Ministero per ciascun ambito territoriale non può essere superiore a euro 50.000 e il proponente deve garantire un cofinanziamento al 20%.

Executive summary della seconda fase del Programma Pippi (2015)

Con Decreto Direttoriale n. 206 del 6 novembre 2015 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato la graduatoria degli ambiti territoriali ammessi al finanziamento.

Materiali e documenti

< archiviato sotto: >
Azioni sul documento
Pubblicato il 01/10/2014 — ultima modifica 19/12/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it