Intercultura

Identità: una, nessuna, centomila

A Bologna, ciclo di iniziative sulla continua ridefinizione delle diverse identità che caratterizzano persone, società e saperi

La sfida attuale è quella di navigare e scegliere tra le molteplici alternative identitarie che scaturiscono dai mille contesti della nostra vita: identità personale e di gruppo; identità di genere; identità culturale; identità etnica, territoriale, religiosa, storica; identità e linguaggi dei saperi; identità giuridica, genetica, digitale; identità umana e intelligenza artificiale”. Questo il tema sul quale docenti e ricercatori dell'Università di Bologna sono stati invitati a presentare idee e progetti. Tra le tante pervenute, il Comitato scientifico di ISA (Istituto di Studi Avanzati) ha scelto 12 proposte che saranno sviluppate con eventi e conferenze da ottobre 2019 all'estate 2020.

Il workshop internazionale e laboratorio interdisciplinare “ISA Topic 2019 - Identità: una, nessuna, centomila”, realizzato in collaborazione con l’ONG Heritage For peace, inizia così il 24 ottobre, ore 10, alla Sala Rossa di Palazzo Marchesini (via Marsala 26, Bologna). L'iniziativa intende dimostrare come il patrimonio culturale possa fungere da strumento per l'integrazione sociale e come in passato sia già servito a tale scopo.

Curato da Silvia Albertazzi (CLOPEx - Centro Studi sulle Letterature Omeoglotte dei Paesi Extra-europei, LILEC, Unibo); Donatella Biagi (DBC, Unibo) e Eva-Maria Christina Thune (LILEC, Unibo), il primo appuntamento (“Identità fluide: rappresentazioni e prospettive storiche e attuali”) prevede in realtà 4 incontri per approfondire il ruolo dell'identità come strumento per l'integrazione sociale, riportando le più importanti esperienze a livello europeo di valorizzazione del museo come luogo di inclusione, riconoscimento e mediazione interculturale; la ri-negoziazione dell’identità nei processi di migrazione; come lo spostamento costringe il singolo a rimettersi in gioco e parimenti mette in discussione l’idea del territorio come entità fissa e stabile.

Il programma completo:

  • Identità fluide: rappresentazioni e prospettive storiche e attuali
    (24 ottobre, 12 novembre, 6 dicembre, marzo 2020).
  • La rete e la "trilogia" dell'identità
    (25 ottobre, 14 novembre, 6 dicembre, 23 gennaio, 20 febbraio, 13 marzo 2020).
  • Lingua e identità dei nuovi italiani: un'indagine nelle scuole bolognesi
    (16 novembre).
  • La conquista della luna e l'identità umana
    (5 dicembre, 6 dicembre).
  • Identità mediali. Tra televisione, popular music e social media
    (gennaio-marzo 2020).
  • Idem et alius - cultura classica e identità europea: lo sguardo degli altri
    (28 gennaio, 28 febbraio, 17 marzo, 1 aprile, 21 aprile, 26 maggio).
  • Il Populismo e l’identità europea
    (aprile 2020).
  • “Io, autore”: creatività e proprietà intellettuale nell'era dell’intelligenza artificiale
    (22 novembre).

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/22 11:40:55 GMT+1 ultima modifica 2019-10-22T11:40:55+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina