martedì 23.10.2018
caricamento meteo
Sections

Rete regionale dei Centri interculturali

Il diritto d’asilo

A novembre 2015, il Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con l’associazione Asilo in Europa, ha avviato un progetto di ricerca sulle informazioni dei Paesi di origine dei richiedenti protezione / titolari di protezione internazionale più presenti sul territorio regionale, meglio note con l’acronimo “COI” (dall’inglese “Country of Origin Information”).

Nella pratica, le COI sono fondamentali sia per il lavoro svolto dagli operatori dell’accoglienza e avvocati, che assistono le persone richiedenti protezione, rispettivamente, durante la fase amministrativa e giudiziaria della procedura, sia per i membri delle Commissioni territoriali e i giudici nazionali competenti che decidono se la singola persona ha diritto o meno al riconoscimento della protezione internazionale o umanitaria.

Conformemente al testo della legge nazionale vigente: “l’esame della domanda di protezione internazionale è effettuato su base individuale e prevede la valutazione di tutti i fatti pertinenti che riguardano il Paese d’origine al momento dell’adozione della decisione in merito alla domanda, comprese, ove possibile, le disposizioni legislative e regolamentari del Paese d’origine e relative modalità di applicazione (…)” (art. 3, co. 3, lett. a, d.lgs n. 251 del 19/11/07); “ciascuna domanda è esaminata alla luce di informazioni precise e aggiornate circa la situazione generale esistente nel Paese di origine dei richiedenti asilo e, ove occorra, dei Paesi in cui questi sono transitati (…)” (art. 8, co. 3, d.lgs n. 25 del 28/01/08); “la Commissione territoriale, ovvero il giudice in caso di impugnazione, acquisisce, anche d’ufficio, le informazioni, relative alla situazione del Paese di origine e alla specifica condizione del richiedente, che ritiene necessarie a integrazione del quadro probatorio prospettato dal richiedente” (art. 27, co. 1 bis, d.lgs n. 25 del 28/01/08).

Partendo da questo dato, a dicembre 2015, il Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale della Regione Emilia-Romagna e l’associazione Asilo in Europa hanno lanciato pubblicamente il progetto “Newsletter COI”, strumento di aggiornamento mensile sulle notizie più rilevanti – conflitti interni, decisioni di organi giudiziari, riforme legislative, violazioni dei diritti umani, etc. – dei Paesi da cui provengono i richiedenti / titolari di protezione più presenti sul territorio regionale.

Nello specifico, allo stato attuale del progetto, l’associazione Asilo in Europa monitora la situazione di Afghanistan, Bangladesh, Costa d’Avorio, Eritrea, Gambia, Mali, Nigeria, Pakistan, Senegal, Ucraina e, mensilmente, riporta nel documento Newsletter COI tutte le notizie rilevanti e i dati aggiornati, unitamente alle fonti da cui sono tratti.

L’introduzione del progetto “Newsletter COI” e i numeri già pubblicati sono reperibili a questo link 

Federica Toso (Ricercatrice Asilo in Europa)

< archiviato sotto: >
Azioni sul documento
Pubblicato il 28/06/2016 — ultima modifica 05/07/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it