mercoledì 21.11.2018
caricamento meteo
Sections

On line i Piani di zona distrettuali 2009-2010

Pubblicato il rapporto di analisi sulla programmazione integrata in ambito socio-sanitario

Le politiche regionali attribuiscono un’importanza strategica alla programmazione territoriale sociale e sanitaria integrata. A una valutazione dell’efficacia di tali strumenti è ora dedicato il rapporto "I Piani di zona distrettuali per la salute e il benessere sociale 2009-2011: una prima analisi dell´integrazione della programmazione nei documenti e nei processi". La pubblicazione si integra coerentemente con il lavoro fatto in precedenza (autunno 2009) attraverso il rapporto "I nuovi strumenti della programmazione regionale: la sfida del profilo di comunità e dell´atto di indirizzo e coordinamento triennale", una fotografia dell´attività delle Conferenze territoriali sociali e sanitarie.

Obiettivo dell’analisi sui Piani di zona distrettuali è mettere a fuoco come siano state accolte e messe in atto le indicazioni fornite dalla Regione, allo scopo di realizzare una programmazione integrata, la sola in grado di dare vita a un welfare di comunità che davvero sappia mettere insieme istituzioni, risorse, professionalità, in modo da garantire ai cittadini servizi di qualità su tutto il territorio regionale.

Il rapporto pone quindi l’accento sulla necessità di un approccio integrato ai diversi ambiti di intervento, superando le programmazioni settoriali e puntando ad una programmazione locale capace di uniformità di indirizzi, organizzazione e criteri di valutazione.

L’analisi ha anche permesso di cogliere che, come auspicato al momento della realizzazione dei Piani, il percorso di integrazione è in molti casi andato oltre il sociale e la sanità e ha saputo coinvolgere altri ambiti di programmazione delle politiche locali, quali la scuola, la formazione, il lavoro, la casa, i trasporti. Reale è stato dunque lo sforzo per stabilire una cooperazione proficua tra istituzioni, società civile, operatori della sanità e del sociale.

Il rapporto si rivolge in modo particolare a tutti i referenti regionali e locali, a cui offre la possibilità di collocarsi, per area di attività, entro un quadro di politiche regionali e locali ben definito, in cui si intrecciano esigenze generali e specifiche. Ciò che viene proposto loro è un allargamento di orizzonte dal proprio osservatorio locale agli altri territori della regione.

Disponibile on line in formato .pdf, il volume può essere richiesto gratuitamente contattando l´Ufficio Relazione con il Pubblico (numero verde 800662200, mail: urp@regione.emilia-romagna.it).

 

COLLEGAMENTI

Il rapporto

I nuovi strumenti della programmazione regionale: la sfida del profilo di comunità e dell'atto di indirizzo e coordinamento triennale

I Piani di zona distrettuali per la salute e il benessere sociale 2009-2011

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/06/2010 — ultima modifica 04/06/2010
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it