lunedì 24.11.2014
caricamento meteo
Sections

Sì al piano per l’integrazione

L’Assemblea legislativa ha approvato il Programma per l’integrazione degli stranieri. Presentazione l’8 aprile con Marzocchi e Kyenge
Sì al piano per l’integrazione

I rappresentanti degli enti e delle associazioni regionali che si occupano dell’inclusione degli immigrati con l'assessore Marzocchi in Regione, prima del voto sul programma di integrazione

“Uno strumento trasversale, che pone al centro delle programmazioni di settore il tema di una società, quella dell’Emilia-Romagna, già interculturale a tutti gli effetti, con un fenomeno migratorio stabilizzato, che vede al suo interno persone originarie di oltre 170 Paesi differenti”. Sono le parole di soddisfazione dell’assessore alle Politiche sociali Teresa Marzocchi dopo l’approvazione a maggioranza, in Assemblea legislativa, del Programma triennale 2014-2016 per l’integrazione sociale dei cittadini stranieri.

Le fasi di discussione e votazione sono state seguite in aula da rappresentanti degli enti e delle associazioni regionali che si occupano dell’inclusione degli immigrati.

I quattro obiettivi strategici

Il Programma individua quattro obiettivi strategici: inclusione, equità e diritti, cittadinanza, antidiscriminazione. Tre le azioni prioritarie che possono contribuire, in una logica intersettoriale, al raggiungimento degli obiettivi strategici: la promozione e il coordinamento in ambito locale delle iniziative per l’apprendimento e l’alfabetizzazione alla lingua italiana; la mediazione e la formazione culturale; l’informazione e la conoscenza diffusa dei diritti e dei doveri connessi alla condizione di cittadino straniero.

“Dal punto di vista dell’attuazione – ha sottolineato l’assessore – occorre ribadire e rafforzare un autentico approccio ‘dal basso’, in cui gli enti locali esercitino funzioni di governo per la programmazione e la realizzazione degli interventi,  con il coinvolgimento di una vasta gamma di attori, istituzionali e non (enti periferici dello Stato, terzo settore, scuole, imprese), puntando comunque sempre sul protagonismo attivo degli stessi migranti. In particolare, due sono le sfide principali: le donne e i giovani di origine straniera”.

Presentazione a Bologna con Marzocchi e Kyenge

Il primo degli incontri di presentazione del nuovo Programma triennale, a cui ne seguiranno altri in tutto il territorio regionale, è previsto a Bologna, martedì 8 aprile a partire dalle 18, al Centro interculturale “Massimo Zonarelli” (Via Sacco 14) con l’assessore Marzocchi. La scelta di utilizzare questo spazio non è casuale: da anni, infatti, il Centro rappresenta una risorsa strategica per il dialogo interculturale e per la partecipazione dei cittadini stranieri. Ci sarà la proiezione in anteprima del video prodotto e realizzato dalla Regione sul Programma triennale, basato su una serie di interviste sui temi del lavoro, della salute, della scuola, dello sport. Oltre ai cittadini stranieri e italiani che vorranno assistere, hanno assicurato la loro presenza l’onorevole Cécile Kyenge e Amelia Frascaroli, assessore ai Servizi sociali del Comune di Bologna.

 

Il programma approvato dall’assemblea legislativa: la scheda

< archiviato sotto: , , >
Azioni sul documento
Pubblicato il 04/04/2014 — ultima modifica 04/04/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it