lunedì 18.12.2017
caricamento meteo
Sections

A Modena un progetto per recuperare i farmaci non scaduti

Grazie al progetto FarmacoAmico i medicinali non utilizzati potranno essere conferiti negli appositi contenitori presso le farmacie aderenti all'iniziativa in modo da essere redistribuiti. In parte verranno consegnati alla Fondazione Ant

Nuova vita per i medicinali non scaduti grazie a FarmacoAmico, un progetto per la raccolta e la redistribuzione sotto sorveglianza medica dei farmaci non scaduti promosso dall’assessorato al Welfare del Comune di Modena in rete con le associazioni Porta Aperta e Ant, le Farmacie cittadine rappresentate in  Federfarma, FCM, Unione Farmacie Informatizzate, con il supporto tecnico di Azienda Ausl Modena e Ordine dei Farmacisti e grazie al contributo di Hera e Last Minute Market.
“Il progetto - spiega l’assessora a Welfare, Sanità e Coesione sociale Giuliana Urbelli - nasce da lontano, con l’obiettivo di recuperare farmaci e materiale sanitario non solo per prevenirne lo spreco ma per rafforzare il modello dell’ambulatorio sociale".

I cittadini potranno conferire i farmaci non utilizzati negli appositi contenitori verdi, identificati da una grafica creata appositamente e messi a disposizione da Hera presso le farmacie di Modena aderenti, ben distinti dai contenitori di farmaci scaduti destinati allo smaltimento.

Anche l’Ausl di Modena raccoglierà medicinali idonei ad essere introdotti in questo circolo virtuoso presso i punti di distribuzione diretta ospedaliera e i servizi infermieristici di assistenza domiciliare.

Saranno i volontari Ant ad occuparsi della raccolta dei medicinali, consegnandoli al punto di stoccaggio presso l’ambulatorio sociale di Porta Aperta, dove, in un locale appositamente attrezzato, verranno immagazzinati, inventariati e selezionati.
Attività, queste, affidate ai volontari della stessa associazione che nello svolgerle saranno affiancati da farmacisti professionisti, grazie all’adesione al progetto dell’Ordine dei farmacisti di Modena.
Parte dei farmaci sarà inoltre consegnata alla Fondazione Ant Italia Onlus e in futuro potranno essere individuati come destinatari anche altri enti benefici.

Quali farmaci è possibile conferire

I farmaci dovranno avere precisi requisiti, definiti dal Servizio Farmaceutico di Azienda Usl e Ordine Farmacisti Modena, tra i quali la validità residua di almeno sei mesi e il perfetto stato di conservazione della confezione, con lotto e scadenza leggibili.
Saranno esclusi i medicinali liquidi, quelli che richiedono particolari precauzioni per la loro conservazione, come la catena del freddo, quelli di solo impiego ospedaliero e i farmaci stupefacenti.

Dove si possono conferire i farmaci 

Sono dieci fino a oggi le farmacie che partecipano alla prima fase di sperimentazione del progetto che verrà successivamente esteso a tutte quelle che ne hanno fatto richiesta.

Attualmente i farmaci non scaduti si possono conferire presso le seguenti farmacie:

  • Santa Filomena snc - corso Duomo 4
  • Beata Vergine del Popolo - via Giardini 32
  • Madonnina - via Tabacchi 5
  •  Buon Pastore - via Conco 32
  • Galilei snc - via Galilei 166
  • Farmacie Associate Pam San Paolo snc - via Emilia Est 799
  • le farmacie comunali Crocetta, Morane, Modena est e Modena ovest

La raccolta dei farmaci non scaduti è attiva anche nei punti di distribuzione diretta dei farmaci presso il Policlinico e l’Ospedale Civile di Baggiovara.

Azioni sul documento
Pubblicato il 01/08/2017 — ultima modifica 01/08/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it