Welfare, confronto sulle migliori pratiche con delegazione svedese di Västerbotten

Tra i temi affrontati quelli relativi alle politiche di genere, alle nuove soluzioni di supporto alla popolazione anziana e all’integrazione

A confronto le migliori pratiche di welfare dell’Emilia-Romagna e della regione svedese Västerbotten, con l’obiettivo di conoscere le reciproche attività messe in campo in questi anni e valutare possibili collaborazioni future. Con questo intento una delegazione del Västerbotten, tra cui il presidente della Giunta Peter Olofsson, Rickard Carstedt e i rappresentanti dei Comuni, è stata ricevuta a Bologna in Regione.

Ad accogliere gli esponenti politici è stata la consigliera regionale e presidente della Commissione per la Parità e per i diritti delle persone, Roberta Mori, che ha illustrato gli interventi messi in campo durante la legislatura, con particolare riferimento alle politiche di genere. Tra i temi toccati anche quelli relativi alle nuove soluzioni di supporto alla popolazione anziana e all’integrazione.

Dopo la mattinata in viale Aldo Moro la delegazione svedese ha visitato la struttura di recupero dalle dipendenze “La Rupe” di Sasso Marconi (Bo).

"Le politiche per la parità sono un elemento importante per il progresso della nostra Regione- ha commentato Roberta Mori -. La lotta al gender gap e alla disparità salariale, le politiche per la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro sono leve di sviluppo e di contrasto alle diseguaglianze al centro della nostra attenzione”. La presidente Mori ha ricordato come la Regione Emilia-Romagna si stia impegnando, attraverso azioni specifiche, a fare da traino per la messa in atto di politiche per la parità. Tra queste ha messo in evidenza la recente approvazione della legge per contrastare l’omotransfobia. Il benessere del singolo coincide con quello della collettività".

In passato, l'Emilia-Romagna ha collaborato con la regione svedese Vastra Gotaland. Il rapporto è nato nel 2004 con la rete Sern (Sweden Emilia-Romagna Network) della quale Roberta Mori è stata presidente dal 2009 al 2013. Dai contatti sono nati rapporti istituzionali che si sono concretizzati con la firma dell'accordo Ery (European region for youth) sulle politiche giovanili nel 2007 e 2010 insieme ad altre otto regioni europee.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/17 14:44:02 GMT+1 ultima modifica 2019-10-17T14:44:02+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina