Prostituzione e tratta di esseri umani

Prostituzione

Cosa fa la Regione

La Regione Emilia-Romagna promuove dal 1996 azioni di prevenzione socio-sanitaria rivolte a persone coinvolte nei mercati della prostituzione.

Gli interventi sono attuati dalle Unità di strada: attraverso il costante monitoraggio del fenomeno, la diffusione di informazioni e di materiali, la creazione di rapporti di fiducia con chi si prostituisce, la promozione della tutela dei diritti, l’accompagnamento ai servizi sanitari territoriali, le azioni di mediazione sociale e comunitaria, la costante vigilanza rispetto a forme di tratta e sfruttamento, viene promossa, nella logica della riduzione del danno, la tutela della salute delle persone incontrate in strada, nonché quella della collettività.

Per raggiungere il fenomeno nella sua forma indoor (appartamenti, locali notturni, centri massaggio) dal 2007 è attivo il progetto "InVisibile".

A chi rivolgersi

Servizio Politiche per l'integrazione sociale, il contrasto alla povertà e Terzo settore

viale Aldo Moro 21 - 40127 Bologna

Anna Paola Sanfelici
Tel. 051527492
annapaola.sanfelici@regione.emilia-romagna.it

Pubblicazioni

Su questo argomento vedi anche...

Gli interventi rivolti alle persone coinvolte nei mercati della prostituzione in strada e al chiuso rientrano nel Piano sanitario regionale della Prevenzione 2015-2018 (prorogato a tutto il 2019) e saranno parte del Piano sanitario regionale della Prevenzione 2020 - 2025 in via di definizione.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina