Prostituzione e Tratta di esseri umani

Tratta di esseri umani

Cosa fa la Regione

La Regione Emilia-Romagna, con il sistema "Oltre la Strada", promuove la realizzazione su tutto il territorio regionale delle specifiche misure di assistenza alle vittime di grave sfruttamento e tratta di esseri umani previste dalla normativa nazionale:

Obiettivo dei programmi di assistenza è quello di coprire l’intero percorso che va dal primo contatto con la persona vittima di sfruttamento, fino alla rielaborazione del percorso migratorio e di vita; il percorso si può concludere con il raggiungimento di condizioni di autonomia abitativa e lavorativa, oppure con il rientro in condizioni assistite nei paesi di provenienza.

Le azioni attuate comprendono: alloggio e ricovero in strutture adeguate; assistenza sanitaria; raccordo con i servizi sociali, assistenza psicologica e legale, assistenza per l’ottenimento, quando ricorrono i requisiti, dello speciale permesso di soggiorno per protezione sociale; attività di formazione (alfabetizzazione linguistica, informatica, corsi di formazione professionale), attività mirate all'inserimento socio-lavorativo, azioni di rientro assistito verso i paesi di origine.

L’attivazione delle misure di assistenza richiede però un necessario lavoro preliminare: le vittime di tratta e di grave sfruttamento, infatti, a causa delle forme di assoggettamento subite (ricatti, debiti, violenza, minacce alle famiglie nei paesi di origine), della paura, nonché della condizione di irregolarità nella quale spesso si trovano, sono costrette a tenere celata la loro condizione, rendendosi “invisibili” a forze dell’ordine e servizi sociali; per questo, in tutto il territorio regionale sono realizzate azioni finalizzate all’emersione delle potenziali vittime:

  • promuovendo costantemente la collaborazione con tutti i soggetti del territorio che possono venire in contatto, per la loro attività, con loro (forze dell’ordine, autorità giudiziaria, servizi sanitari, sportelli sociali, sindacati, Direzioni Territoriali del Lavoro, ecc.);
  • attuando interventi (cosiddetti “proattivi” e “di prossimità”) che rendano i servizi “presenti” nei luoghi dove le vittime si trovano a transitare.

A chi rivolgersi

Servizio Politiche per l'accoglienza e l'integrazione sociale

viale  Aldo Moro 21 - 40127 Bologna

Maurizio Braglia

tel 051 527 70 73
mbraglia@regione.emilia-romagna.it

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina