venerdì 27.05.2016
caricamento meteo
Sections

Terzo settore

Associazioni di promozione sociale (APS)


Cosa fa la Regione

La Regione Emilia-Romagna riconosce il ruolo dell'associazionismo come espressione di impegno sociale e di autogoverno della società civile e ne valorizza la funzione per la partecipazione alla vita della comunità regionale. Ne favorisce pluralismo e autonomia e ne sostiene le attività.

Sono considerate associazioni di promozione sociale le associazioni che perseguono, senza scopo di lucro, interessi collettivi attraverso lo svolgimento continuato di attività di promozione sociale rivolte a favore degli associati e di terzi e che perseguono le finalità indicate all'articolo 2 della legge regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e successive modifiche.

La stessa legge istituisce registro regionale delle associazioni di promozione sociale indicandone le procedure di iscrizione.

L'iscrizione la registro regionale delle associazioni di promozione sociale è incompatibile con l'iscrizione nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato ed è condizione necessaria per poter usufruire dei benefici previsti dalla legge n. 383/2000 e per poter accedere alle forme di sostegno e valorizzazione previsti dalla legge regionale n. 34 del 2002.

Alle Associazioni iscritte nel registro regionale, la Regione può:

  • concedere, anche a titolo gratuito, in comodato o in uso, beni appartenenti al suo patrimonio disponibile;

  • stipulare convenzioni per la gestione di attività di promozione sociale verso terzi se le associazioni sono iscritte da almeno sei mesi.

La Regione assegna contributi finanziari alle associazioni di rilevanza regionale iscritte nel registro regionale, per la realizzazione di progetti di interesse e diffusione regionale, nonché di sostegno e valorizzazione delle attività a rilevanza locale, stabilendo annualmente le priorità, le modalità ed i criteri di assegnazione.

Attraverso l'Osservatorio regionale dell'associazionismo di promozione sociale, la Regione promuove e realizza studi e ricerche sul tema, favorisce la circolazione delle esperienze sul territorio, formula proposte per sviluppare le attività di promozione sociale.

Cosa fa il Comune

I Comuni, ovvero le Unioni di Comuni, possono prevedere l'istituzione di albi o registri locali delle associazioni di promozione sociale, disciplinando con propri regolamenti le modalità di iscrizione, cancellazione e revisione in attuazione dell'articolo 117, comma sesto, della Costituzione.

Le associazioni iscritte unicamente nei registri locali acquisiscono titolo a:

a) accedere a contributi erogati dai Comuni titolari dei registri;

b) accedere a rapporti convenzionali con gli stessi Comuni, nel rispetto di quanto previsto dalle norme regionali;

c) accedere all'assegnazione di spazi ed attrezzature di proprietà dei medesimi Comuni;

d) accedere alla riduzione dei tributi locali eventualmente previsti.

Le associazioni iscritte nel registro regionale possono chiedere l'iscrizione di diritto negli albi o registri locali.

Per maggiori informazioni occorre contattare il Comune di residenza dell'Associazione.

A chi rivolgersi

Servizio coordinamento politiche sociali e socio educative, programmazione e sviluppo del sistema dei servizi

viale Aldo Moro 21 - 40127 Bologna
Mario Ansaloni

tel. +39 051 5277532
fax. +39 051 5277080
mansaloni@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento
Pubblicato il 30/09/2013 — ultima modifica 03/05/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it