Esecuzione penale

Piacenza

Sportello Informativo C. C.

Lo Sportello Informativo per detenuti opera all´interno della Casa Circondariale di Piacenza. Contatto esterno:

Comune di Piacenza 0523/492712 Dott.ssa Elena Foletti – elena.foletti@comune.piacenza.it

Associazione La Ricerca 0523.338710 Dott.ssa Verderi Mara - maraverderi@laricerca.net

Organizzazione del Servizio e figure professionali attive

dal 1 dicembre 2013 Il Progetto “Sportello detenuti” prevede una funzione di supporto alle dimissioni dal carcere per detenuti sia italiani che stranieri e una funzione di mediazione culturale per detenuti provenienti dall’area Maghreb.

La funzione di supporto alla dimissione avviene attraverso colloqui individuali con l’operatore dello sportello informativo (psicologo) , in collaborazione con l’ufficio educatori e l’ufficio matricola, a favore delle persone prossime alla dimissione (entro 6 mesi) , ed è presente in carcere il martedì dalle 12,00 alle 16,00.

La funzione di mediazione culturale per le persone di lingua araba si realizza attraverso l’intervento di una mediatrice che gestisce colloqui individuali  in uno spazio settimanale il sabato dalle 9 alle 14

Attività dello sportello

ATTIVITÀ DELLO SPORTELLO DAL 1 OTTOBRE 2014 AL 30 SETTEMBRE 2015

L’operatore dello sportello informativo incaricato dell’attività di supporto alle dimissioni dal carcere nei DODICI mesi considerati ha incontrato 129 detenuti (tutti maschi una femmina ) con cui ha effettuato 166 colloqui , di cui 111 primi colloqui per un totale di 242 ore . Delle 129 persone incontrate 39 hanno ricevuto la busta con materiale informativo , biglietti bus, biglietti ferroviari, buoni mensa… al momento dell’uscita dal carcere consegnata insieme ai loro effetti personali.

Tra le persone incontrate 27 risultavano senza documenti e 21 con documenti scaduti.

Per l’avvio del progetto il Comune ha organizzato una Riunione di rete Partecipano alla rete:

  • Servizio sociale adulti del Comune di Piacenza (a.s. adulti, immigrazione, servizio coesione sociale)
  • Centro culturale islamico di Piacenza (centro d’ascolto e pasti)
  • Associazione Ronda della carità (accoglienza prima soglia maschile Rifugio Segadelli)
  • Associazione Arcobaleno (accoglienza prima soglia femminile S.Anna)
  • S, Vincenzo (assistente volontario in carcere che segue varie pratiche burocratiche)
  • Caritas Diocesana (centro d’ascolto, mensa , prima accoglienza notturna, centro diurno, avvocato di strada)
  • SerT di Piacenza (collegamento SerT e carcere)
  • Sono state definite le modalità operative dello sportello condividendole con Comune e Casa Circondariale.

    Il mediatore incaricato dell’attività di sportello di mediazione con detenuti di lingua araba nei dodici mesi considerati ha incontrato 206 (195 maschi e 11 femmine) detenuti stranieri (la maggioranza sono tunisini) con cui ha effettuato 331 colloqui di cui 48  primi per un totale di 271 ore. Diversi detenuti effettuano più colloqui di solito finalizzati alla facilitazione delle relazioni con gli avvocati e i famigliari. La mediatrice , oltre ad essere in contatto con il centro Islamico piacentino, ha stabilito rapporti diretti con il Consolato Generale del Marocco a Bologna e con il Rappresentante dell’Associazione El Hilal . La mediatrice ha incontrato il presidente del centro islamico , l’Imam , il Direttore, vice Direttore, il Comandante e un gruppo di detenuti marocchini per problemi nell’organizzazione della preghiera del venerdì, per richiedere occhiali per due detenuti, per l’organizzazione del ramadam (lista prodotti alimentari e lista detenuti), libri di preghiera, alimenti per i detenuti in difficoltà economica durante il ramadam. Quest’anno il Centro Islamico ha preso in carico la situazione di alcune famiglia con bambini che si trovano in difficoltà, quindi non ha potuto fare l’offerta come gli anni precedenti, inoltre ,  la mediatrice si occupa della procedura del ritiro del Kit dai detenuti e che va consegnato alle Poste Italiane.                                                          

     Tipologia richieste pervenute allo sportello:
    1. richieste di telefonate ai famigliari, agli avvocati, ai consolati, alla Questura
    2. richiesta di lavoro interno al carcere
    3. richiesta di informazioni circa strutture di ospitalità disponibili una volta usciti dal carcere
    4. notizie sull´espulsione a titolo di sanzione alternativa alla detenzione (art.16 dec. Leg. 286/98)
    5. traduzione di documenti e informazioni sull´estradizione per poter scontare la pena residua nel paese d´origine

     

    Azioni sul documento

    pubblicato il 2011/03/23 11:55:00 GMT+2 ultima modifica 2015-12-14T12:57:00+02:00

    Valuta il sito

    Non hai trovato quello che cerchi ?

    Piè di pagina