Infanzia e adolescenza

Servizi educativi per la prima infanzia

La Regione Emilia-Romagna ha avviato nel 2016 una riforma dei servizi educativi in considerazione dei nuovi scenari demografici e sociali e dei nuovi bisogni delle famiglie dei nostri territori. Con la Legge regionale 25 novembre 2016, n. 19, “Servizi educativi per la prima infanzia. Abrogazione della L.R. n. 1 del 10 gennaio 2000” è stato ridefinito il sistema educativo integrato dei servizi per la prima infanzia e con la relativa direttiva D.G.R. 1564/2017 sono stati regolamentati i requisiti strutturali e organizzativi dei servizi per l’infanzia.

Cosa fa la Regione

Con il nuovo assetto istituzionale, delineato dalla legge regionale e da quella statale, viene definito un sistema di governance che richiede la collaborazione di Stato, Regioni ed Enti locali con specifiche funzioni e compiti, finalizzati allo sviluppo, consolidamento e qualificazione del sistema integrato dei servizi per l’infanzia.

Viene riaffermata inoltre la responsabilità degli Enti pubblici, nelle loro funzioni di controllo e regolazione dei servizi educativi, al fine di sostenere elementi comuni in relazione a qualità pedagogica, tutela sanitaria, modalità di accesso e criteri di contribuzione delle famiglie.

Il principale servizio educativo rimane il nido classico, con orari part-time e tempo pieno, nella sua funzione formativa e di cura per i bambini e di sostegno delle famiglie. Accanto al nido, il sistema prevede una rete integrata di servizi diversificati nelle progettazioni educative e nelle modalità organizzative ovvero:  spazio bambini; centri per bambini e famiglie; servizi domiciliari e servizi sperimentali. La molteplicità delle offerte educative è orientata a dare risposta alle scelte educative ed ai bisogni organizzativi delle famiglie.

Oltre ai servizi propriamente educativi, sono previsti inoltre servizi ricreativi destinati ad un ambito d’intervento di natura più occasionale e iniziative di conciliazione rispondenti a mere esigenze di conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro delle famiglie. 

Infine la norma ha introdotto come requisito d’accesso ai servizi educativi e ricreativi pubblici e privati, l’aver assolto gli obblighi vaccinali prescritti dalla normativa vigente. In quest'ambito la Regione ha sostenuto la realizzazione di campagne informative e di modalità organizzative con la rete territoriale per la prevenzione collettiva e sanità pubblica condivise con i servizi educativi e le scuole dell’infanzia e di ogni ordine e grado.

A chi rivolgersi

  • Servizi educativi 0-3 anni e servizi sperimentali

Angela Fuzzi
tel. 0515277520
Angela.Fuzzi@regione.emilia-romagna.it

Giulietta Lioi
tel. 0515277521
Giulietta.Lioi@regione.emilia-romagna.it

  • Rilevazione Servizi educativi 0-3 anni

Alberto Todeschini
tel. 0515277422
Alberto.Todeschini@regione.emilia-romagna.it

    Azioni sul documento

    pubblicato il 2013/07/31 11:10:00 GMT+2 ultima modifica 2021-02-08T15:15:20+02:00

    Valuta il sito

    Non hai trovato quello che cerchi ?

    Piè di pagina