Un fiume. L’acqua eterna del fiume Reno si fa bene comune e messaggio di pace

La performance corteo e canto di comunità dell’ITCS Salvemini di Casalecchio di Reno cerca partecipanti di ogni età

“Non è importante come le persone si muovono, ma cosa le muove”, diceva Pina Bausch, e a questo motto che guidava il lavoro della grande coreografa tedesca si ispira UN FIUME. Corteo e canto di comunità, la performance che l’ITCS Salvemini promuove nell’ambito dei “Patti di Comunità”. Il progetto assume oggi, inoltre, il peso rituale di un grande gesto di pace da realizzare tutti insieme, chiunque voglia partecipare. Ecco dunque cosa ci muove.

Lo scopo dei “Patti di comunità”, promossi dal MIUR, è invitare i giovani a valorizzare la storia e le unicità del proprio territorio, insieme alle comunità e alle generazioni che lo animano: Casalecchio è cresciuta attorno alla Chiusa, l’opera idraulica più antica al mondo tra quelle ancora in funzione, un’opera d’ingegno che l’Unesco ha riconosciuto “Patrimonio messaggero di una cultura di pace”, data la funzione che ricopre da 800 anni: distribuire l’acqua, che è vita

Le stagioni della vita - infanzia, adolescenza, maturità, vecchiaia - saranno quattro cortei e quattro canti che si intrecceranno lungo i panorami e i camminamenti della Chiusa, là dove l’acqua eterna del fiume Reno si fa bene comune e messaggio di pace.

Chiunque, di ogni età, potrà partecipare ai 4 incontri preparatori (tra il 26 aprile e il 14 maggio) e alle riprese (il 15 maggio): basterà scrivere entro il 31 marzoprogettochiusa@gmail.com dando la propria disponibilità e indicando la propria età anagrafica. 

La direzione artistica del progetto è di Massimiliano Briarava, l’organizzazione è a cura di Maria Ghiddi, il bisogno di pace e acqua è di tutti.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/03/09 13:41:00 GMT+2 ultima modifica 2022-03-09T13:43:43+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina