Cinevasioni 2020: a Bologna la terza edizione del festival del cinema in carcere

Il bando per iscrivere i film scade il 4 aprile, giuria composta dai detenuti

Si terrà dal 4 al 9 maggio la terza edizione di Cinevasioni, il festival del cinema in carcere, un festival in carcere, non sul carcere, come sempre tengono a precisare i curatori del progetto. L'obiettivo è portare il linguaggio e la cultura cinematografica all'interno della realtà carceraria e aprire l'istituto ad autori e studiosi del cinema.

Per la prima volta, la manifestazione si terrà all'interno di una vera e propria sala cinematografica, l'AtmospHera inaugurata, all'interno della casa circondariale Rocco D’Amato, lo scorso ottobre. È online il bando per partecipare: l'iscrizione dei film in concorso deve avvenire entro sabato 4 aprile. Possono partecipare lungometraggi (durata superiore 50 minuti) nazionali e internazionali sia di finzione sia documentari la cui prima proiezione pubblica (sala o festival) sia avvenuta dall'1 gennaio
2018.

Come nelle edizioni precedenti, la giuria sarà composta dai detenuti partecipanti al laboratorio "Cinevasioni Scuola". Nella videoteca Claudio Caligari, inaugurata a dicembre, proseguono intanto i corsi di catalogazione, gli approfondimenti critici guidati dall'autore cinematografico Spartaco Capozzi e i cineforum. Alcuni detenuti stanno anche imparando ad autogestire le proiezioni, per rendersi indipendenti nelle attività.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/02 17:05:25 GMT+2 ultima modifica 2020-03-02T17:05:25+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina