Esecuzione penale

Integrazione sociale: Programma annuale per l’esecuzione penale

Si tratta di una delle 4 macro-aree di intervento della Regione in fatto di esecuzione penale

Il Programma regionale si articola in tre aree:

  • Sportelli informativi rivolti a tutta la popolazione detenuta, con funzioni di ascolto, accoglienza, orientamento e accompagnamento nonché di mediazione linguistica e interculturale per i migranti con particolare riferimento alle persone in fase di dimissione (dimittendi)
  • Interventi per il miglioramento delle condizioni di vita dei detenuti, finalizzati quindi a garantire alle persone un efficace e attivo utilizzo del tempo detentivo attraverso l’incremento dell’offerta di attività formative, culturali, ricreative, sportive e tramite progetti sperimentali di studio e/o lavoro all'interno e fuori del carcere, con il coinvolgimento del volontariato regionale. Vengono inoltre attivate azioni di sostegno ai legami famigliari, in particolare alla cura e all'educazione di minori quando presenti negli istituti con le madri
  • Realizzazione, in stretta connessione con l'UEPE (Ufficio di Esecuzione Penale Esterna), di azioni di accoglienza, accompagnamento sociale, tirocini e inserimenti lavorativi finalizzate ad un graduale rientro nel tessuto socio-lavorativo di coloro che si trovano in esecuzione penale esterna o che abbiano terminato di scontare la pena da non più di 6 mesi. Una particolare attenzione viene riservata alle donne detenute, ai legami familiari ed alla relazione genitori-figli

Da segnalare infine quale ambito di intervento quello volto a creare un raccordo tra le strutture detentive e i servizi territoriali del Comune di residenza, al fine di costruire i percorsi di uscita per le persone dimittende con carattere di elevata fragilità.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/28 15:30:00 GMT+2 ultima modifica 2019-10-29T14:03:04+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina