Intercultura

“Minosia Labyrinth”, un gioco di simulazione per calarsi nella vita di un migrante

La presentazione del progetto europeo, martedì 21 luglio 2020 via Google Meet

A Minosia, un paese immaginario in Europa, arriva ogni anno un gran numero di migranti, ognuno per un motivo diverso ed ognuno con una propria storia da raccontare. A questo villaggio, frutto dell’immaginazione, si ispira il gioco di ruolo sulla condizione dei migranti “Minosia Labyrinth”, con chiaro riferimento al leggendario labirinto greco di Cnosso che, secondo la mitologia greca, fu fatto costruire dal re Minosse sull'isola di Creta per rinchiudervi il mostruoso Minotauro. E infatti il gioco ricorda un labirinto di percorsi, procedure, strade e corridoi burocratici che i migranti devono affrontare nella loro quotidianità.

Nel paese ci sono circa 10 stazioni ufficiali relative alle procedure di migrazione, come ad esempio: Ufficio Immigrazione, Centro Asilo, Scuola di lingue, Polizia di frontiera, ecc. «I migranti hanno un'ampia gamma di opzioni per migrare verso Minosia – spiegano gli ideatori del role-play game – ma l'obiettivo più importante per loro è quello di integrarsi completamente nel paese, il che significa ottenere uno status giuridico, imparare la lingua e trovare un lavoro. Tuttavia, come nella realtà europea, raggiungere questi obiettivi non è così facile come sembra».

Strumento educativo non-formale, "Minosia Labyrinth" – che nasce sulle orme del precedente “Into the foodsteps of a migrant” – è stato sviluppato da un consorzio di 4 organizzazioni partner: Stichting Refugee Company (Paesi Bassi), Solar e.V. (Germania), A.R.T. Fusion Association (Romania) e Cidas, coop sociale di Ferrara (Italia), durante un progetto triennale 2017-2020 cofinanziato dal Programma Erasmus+ dell'Unione Europea.

Il progetto verrà presentato martedì 21 luglio 2020, dalle ore 15 alle 18, via Google Meet: in questa occasione verranno illustrare le modalità e la struttura del gioco, che ha la finalità di promuovere il dialogo interculturale, ponendo il fruitore nei panni di un migrante in fuga dal proprio Paese. «"Minosia Labyrinth" può essere usato come potente strumento educativo in contesti educativi formali e informali, e ciò lo rende adatto all'utilizzo di educatori, operatori sociali, operatori dell'immigrazione, scuole e insegnanti».

Per iscriversi all'evento occorre compilare e inviare il modulo in allegato.
Nel modulo viene chiesto di indicare l'interesse a ricevere una copia gratuita del Toolkit di progetto, contenente il manuale di gioco, la descrizione dei personaggi e delle stazioni.

Informazioni

Il sito del gioco e del progetto: Minosia Labyrinth
Il link al video di presentazione su YouTube

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/14 11:33:31 GMT+2 ultima modifica 2020-07-14T11:33:31+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina