Intercultura

La mediazione interculturale in un convegno online

A partire da una ricerca promossa dalla Regione Emilia-Romagna, si discuterà della figura del mediatore, del suo ruolo crescente nelle società contemporanee anche in epoca di Covid19.

Quella del mediatore è una figura che nasce come risposta a questioni linguistiche e culturali poste in questi anni dal fenomeno migratorio. Ma se nel contesto europeo la mediazione è utilizzata principalmente nell’ambito familiare, in Italia vi si fa ricorso invece negli ambiti più diversi: da quello scolastico a quello sociale, da quello sanitario a quello giuridico. Ed è proprio riflettendo sulla sua crescente importanza che la Regione Emilia-Romagna, il Comune di Ravenna e l’Università di Bologna, in collaborazione con ANCI Emilia-Romagna, hanno voluto organizzare il convegno "La mediazione interculturale. Strumento per le politiche di inclusione e di contrasto alle disuguaglianze". L’evento, che si svolgerà in modalità da remoto si terrà il 26 novembre 2020, dalle ore 9 alle 18.

La giornata sarà divisa in due sessioni. Durante la sessione mattutina ci sarà la presentazione della ricerca sulla mediazione interculturale promossa dalla Regione Emilia-Romagna, a cui faranno seguito quattro diversi gruppi di lavoro, ai quali sarà possibile partecipare interattivamente:

  • Figure professionali della mediazione e forme contrattuali
  • La mediazione interculturale in un contesto emergenziale
  • Dalla mediazione interculturale alla mediazione sociale
  • Nuove tecnologie e forme di mediazione digitale

Si delineerà così la figura del mediatore, il suo profilo professionale, le regole di ingaggio e le equipollenze europee dei titoli rilasciati dai vari enti. Verrà affrontato il tema del ruolo che il mediatore riveste nella costruzione delle relazioni sociali, sia nell’ordinario che in contesti che sono invece straordinari come quello attuale, caratterizzato dalla pandemia da Covid19. Emergenza sanitaria, quest’ultima, che ha imposto un uso massivo delle nuove tecnologie e del digitale anche nel lavoro del mediatore.

Nel pomeriggio, dopo che i quattro gruppi illustreranno i loro rispettivi lavori, ci sarà una tavola rotonda conclusiva (“Le sfide della nuova società interculturale: politiche nazionali e locali di inclusione”), presieduta da Valentina Morigi (Assessora all’Immigrazione, Comune di Ravenna) e alla quale interverranno: Matteo Biffoni (ANCI Nazionale); Michele De Pascale (Sindaco di Ravenna); Bruno Riccio (Università di Bologna); Anna Piccinni (OCSE); Francesca Puglisi (Sottosegretaria Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali); Maria Assunta Rosa (Autorità Responsabile FAMI - Ministero dell’Interno); Elly Schlein (Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna).

Per partecipare è richiesta l’iscrizione entro le ore 18 di giovedì 19 novembre 2020: https://forms.gle/aEGJ1z5xcJKnng836  

Per informazioni legate alle iscrizioni:
Tel. 051 6338911 - Mail: brunella.guida@anci.emilia-romagna.it

Per ogni altra informazione:
Tel. 0544 591876 - Mail: casadelleculture@comune.ravenna.it (dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12.30 e martedì e giovedì dalle 14 alle 17)

La pagina web dedicata al convegno
Locandina con il programma

L'evento è stato già accreditato dall'Ordine degli assistenti sociali dell'Emilia-Romagna ed è in corso di accreditamento dall'Ordine degli avvocati di Ravenna.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/11/05 10:48:55 GMT+2 ultima modifica 2020-11-05T10:48:55+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina