Intercultura

Laboratori di genitorialità per madri straniere vittime di violenza

Particolare attenzione al tema della violenza assistita da parte dei minori

All'interno del progetto “NEW WAVES: Nuove metodologie di presa in carico delle donne migranti, richiedenti asilo e rifugiate vittime di violenza" (realizzato con il sostegno della Regione Emilia-Romagna), “L’Isola che c’è” e "Associazione MondoDonna onlus” (capofila del progetto) propongono a Bologna un laboratorio di sostegno alla genitorialità rivolto alle madri vittime di violenza con focus sulla violenza assistita, che fa si che figlie e figli debbano appunto assistere alla violenza subita dalle proprie madri, un’esperienza devastante che può compromettere un loro sereno ed equilibrato sviluppo.

«Supportare le donne vittime di violenza nel compito genitoriale – spiegano gli ideatori del progetto – diviene quindi fondamentale: accompagnarle nell’elaborazione delle conseguenze dei maltrattamenti, fornire loro informazioni utili per riconoscere i segnali di sofferenza nei e nelle minori, aiutarle a gestire preoccupazioni e difficoltà di comunicazione, è necessario al fine di recuperare le funzioni di cura compromesse dalla violenza, riscoprire competenze e risorse ed evitare danni a lungo termine nei bambini e nelle bambine, nei ragazzi e nelle ragazze».

Il percorso laboratoriale mira dunque, da un lato, «a rendere consapevoli le madri dei danni causati dalla violenza e a fornire loro strumenti, anche pratici, per aiutarle ad accompagnare i figli e le figlie nel superamento del trauma subìto» e, dall’altro lato, intende «sostenere la donna nel ruolo materno affinché non si colpevolizzi e non neghi quanto accaduto ma ne riconosca gli effetti, rendendosi protagonista competente nel percorso di aiuto ai figli».

Il laboratorio è gratuito. Su richiesta sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Per informazioni e pre-iscrizioni:
Telefonare al nr: 333.6399315, il lunedì e il martedì (h 11-13) e il mercoledì (h 12-16)
oppure inviare una mail a: lisolachenetwork@gmail.com

LABORATORIO

Destinatarie: il laboratorio si rivolge ad un gruppo di 4-6 donne vittime di violenza con figli/e.
Requisiti: è richiesta una conoscenza base della lingua italiana e l’assenza di gravi psicopatologie o difficoltà relazionali.
Conduttrice: Laura D’Aniello, psicologa psicoterapeuta sistemico relazionale.
Incontri: il percorso laboratoriale sarà strutturato in sei incontri di gruppo, della durata di due ore circa ciascuno, che si svolgeranno nel rispetto delle normative sanitarie vigenti presso la sede del CAV CHIAMachiAMA di Bologna, sito in Piazza San Francesco n. 8.

Giorni e orari verranno concordati con le partecipanti.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/10/14 10:31:00 GMT+2 ultima modifica 2020-10-14T10:34:33+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina