Nidi e scuole dell'infanzia

Norme in materia di Servizi educativi

La Legge regionale 25 novembre 2016, n. 19, “Servizi educativi per la prima infanzia. Abrogazione della L.R. n. 1 del 10 gennaio 2000”

La normativa regionale vigente

La Regione Emilia-Romagna ha avviato una riforma dei servizi educativi in considerazione dei nuovi scenari demografici e sociali e dei nuovi bisogni delle famiglie dei nostri territori. Con la Legge regionale 25 novembre 2016, n. 19, “Servizi educativi per la prima infanzia. Abrogazione della L.R. n. 1 del 10 gennaio 2000” è stato ridefinito il sistema educativo integrato dei servizi per la prima infanzia con l'obiettivo di renderlo più flessibile e diversificato. La conseguente direttiva in materia di requisiti strutturali ed organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia è in corso di elaborazione.

Il principale servizio educativo rimane il nido classico, con orari part-time e tempo lungo, nella sua doppia funzione formativa e di cura per i bambini e di sostegno delle famiglie. Intorno al nido, una rete di servizi più flessibili (sperimentali, domiciliari, spazio bambini, centro per bambini e famiglie) e diversificati nelle proprie modalità organizzative che vanno incontro a nuovi bisogni e alle scelte educative delle famiglie.

La nuova legge riafferma inoltre la responsabilità degli Enti pubblici, nelle loro funzioni di controllo e regolazione dei servizi educativi, al fine di sostenere elementi comuni in relazione a qualità pedagogica, tutela sanitaria, modalità di accesso e criteri di contribuzione delle famiglie

In particolare, all'interno del nuovo assetto istituzionale regionale e della normativa nazionale la Legge regionale n. 19/2016 introduce:

  • processi di valutazione della qualità dei servizi e la valorizzazione del ruolo dei coordinamenti pedagogici territoriali, ora collocati presso i Comuni capoluogo;
  • iniziative per la formazione del personale, ancor più importante per coloro che esercitano professioni di grande responsabilità dovendo interagire con i bambini;
  • piani di prevenzione dello stress da lavoro correlato degli operatori;
  • semplificazione e accelerazione delle procedure per l'assegnazione dei finanziamenti regionali ai servizi;
  • riferimenti alla legge 107/2015, che introduce a tutti gli effetti i servizi 0-3 anni all'interno del percorso di istruzione con la valorizzazione dell'esperienza dei servizi educativi nel sistema ed il rafforzamento dei collegamenti con le scuole dell'infanzia;
  • l'accreditamento dei servizi come condizione essenziale per poter usufruire dei finanziamenti regionali da parte di chi gestisce servizi privati. Fulcro dell'accreditamento, concesso dal Comune, è la valutazione della qualità del servizio in base a una serie di requisiti che verranno esplicitati nella nuova direttiva sull'accreditamento, quali il progetto pedagogico, la presenza del coordinatore pedagogico e l'adozione di strumenti di auto-valutazione del servizio oltre a un adeguato numero di ore di formazione del personale.

In applicazione della L.R. n. 19/2016, la Regione Emilia-Romagna ha inoltre definito i requisiti strutturali e organizzativi, i criteri e le modalità per la realizzazione e il funzionamento dei servizi educativi e ricreativi, nonché le procedure per l'autorizzazione al funzionamento e l'accreditamento.

I requisiti strutturali e organizzativi dei servizi educativi e ricreativi, procedure per l'autorizzazione al funzionamento e l'accreditamento

  • Deliberazione di Giunta regionale n. 1564 del 16 ottobre 2017 «Direttiva in materia di requisiti strutturali ed organizzativi dei Servizi educativi per la prima infanzia e relative norme procedurali. Disciplina dei Servizi ricreativi e delle iniziative di conciliazione in attuazione della L.R. 19/2016» pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna n. 286 del 24.10.2017 (Parte Seconda).

La Regione ha inoltre stabilito i requisiti per l'accreditamento, anche sulla base dei risultati della sperimentazione avviata con Deliberazione di Giunta regionale n. 1089 del 30 luglio 2012, per quanto riguarda l'autovalutazione.

Gli obblighi vaccinali

La norma (comma 2 dell'art 6 della legge regionale 19/2016) introduce come requisito d’accesso ai servizi educativi pubblici e privati, l’aver assolto, da parte del bambino, gli obblighi vaccinali prescritti dalla normativa vigente (antipolio, antidifterica, antitetanica e antiepatite B).

    La Delibera di Giunta regionale n. 2301/2016 precisa le tipologie di Servizi educativi e ricreativi sui quali la legge avrà applicazione, i requisiti vaccinali necessari in base all'età del bambino, le modalità e i tempi con i quali i Servizi educativi potranno acquisire l'idoneità vaccinale.

    Si sottolinea che nei casi in cui la vaccinazione deve essere omessa o differita per motivi di salute, l'esonero deve essere certificato dal pediatra di libera scelta e autorizzato dai Servizi Vaccinali delle Aziende USL.

    La successiva Deliberazione di Giunta regionale n. 1391/2018 «Definizione delle modalità di attuazione della Circolare del Ministero della salute e del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca del 6 luglio 2018 in merito alle condizioni di ammissibilità alla frequenza dei Servizi educativi e delle Scuole per l'infanzia della Regione Emilia-Romagna dei minori i cui genitori si siano avvalsi della possibilità di presentare la dichiarazione sostitutiva» ha regolato le ondizioni di ammissibilità alla frequenza nella fattispecie della presentazione della dichiarazione sostitutiva.

    L'applicazione della legge sarà accompagnata e sostenuta da una campagna comunicativa e informativa a cura del competente Servizio Prevenzione collettiva e sanità pubblica della Regione Emilia-Romagna. Per informazioni al riguardo: SegrSanPubblica@regione.emilia-romagna.it

    La programmazione regionale e i finanziamenti

    Dall'anno educativo 2019/2020 al presente è in vigore la nuova misura sperimentale di sostegno economico alle famiglie per l'abbattimento di rette e tariffe denominata Al nido con la Regione.

    La Regione Emilia-Romagna promuove la realizzazione dell’intero sistema dei servizi per la prima infanzia, attraverso:

    • il consolidamento dei servizi funzionanti attraverso un contributo per la gestione;
    • la qualificazione dei servizi con progetti e azioni formative per i coordinamenti pedagogici e la formazione permanente degli operatori di servizi pubblici e privati;
    • il riparto dei finanziamenti regionali.

    Gli atti amministratvi vigenti

    • Delibera dell'Assemblea legislativa n. 79 del 28/3/2022 «Programmazione degli interventi per l'ampliamento, il consolidamento e la qualificazione del sistema integrato dei servizi educativi per l'infanzia per i bambini in età 0-3 anni e per lo sviluppo del sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino ai sei anni. Indirizzi per il triennio 2022-2023-2024. (Delibera della Giunta regionale n. 476 del 28 marzo 2022)»
    • Deliberazione di Giunta regionale n. 1132/2022 «Approvazione dell'elenco dei Comuni e loro forme associative da ammettere al finanziamento delle risorse del Fondo nazionale per il sistema integrato di educazione e istruzione. D.lgs. n. 65/2017. Anno 2022»
    • Deliberazione di Giunta regionale n. 1087/2022 «Approvazione riparto e trasferimento risorse finanziarie ai Comuni e loro forme associative per l'attuazione del Programma di consolidamento e qualificazione del sistema integrato dei Servizi educativi per la prima infanzia - obiettivo 1 - L.R. 19/2016 - anno 2022»

    Azioni sul documento

    pubblicato il 2013/08/08 08:35:00 GMT+1 ultima modifica 2022-10-21T15:43:32+01:00

    Valuta il sito

    Non hai trovato quello che cerchi ?

    Piè di pagina