Coronavirus. Centri diurni per persone con disabilità: le Linee guida per il riavvio dell'attività in sicurezza

Tra le novità introdotte, turni di apertura differenziati, anche nel fine settimana e in estate, attività in piccoli gruppi stabili, rispetto dei protocolli per il contenimento del rischio di contagio, trasporti in sicurezza

Le Linee guida - approvate dalla Giunta nell'ambito del Piano regionale per la riorganizzazione dei servizi sociosanitari e presentate questa mattina in Commissione assembleare dalla vicepresidente con delega al Welfare, Elly Schlein - sono state definite per consentire il riavvio delle attività dei Centri diurni mettendo al primo posto la sicurezza di utenti, famiglie e operatori nella fase due dell'emergenza causata dal Coronavirus. Sono state redatte attraverso il confronto con Enti locali ed Anci, Enti gestori, Organizzazioni sindacali e federazioni regionali delle associazioni di persone con disabilità e loro famiglie.

Si riparte dunque progressivamente con una ripresa graduale dell’attività ordinaria dei Centri diurni per le persone con disabilità, mentre resta maggior cautela e la sospensione per quelle che accolgono le persone anziane più vulnerabili al contagio da Covid-19, fermi restando gli interventi individuali per i casi più gravi.

La Regione, per garantire una puntuale conoscenza dell’evoluzione di questa fase su tutto il territorio, ha previsto un sistema di mappatura della riattivazione dei servizi tramite un monitoraggio regionale di livello distrettuale, attraverso gli Uffici di Piano e le Aziende sanitarie, per raccogliere dati utili sulle varie fasi di riattivazione dei servizi.  

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/27 10:06:00 GMT+2 ultima modifica 2020-05-27T10:09:12+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina