Infanzia e adolescenza

Protocollo per la riapertura dei Centri estivi in Emilia-Romagna

Misure per la sicurezza di bambini, ragazzi, educatori. Attività preferibilmente all'aperto, piccoli gruppi, triage e ingressi scaglionati, pulizia ambienti e materiali

Con il Decreto del Presidente n. 95 del 1° giugno 2020 «Ulteriore ordinanza ai sensi dell'articolo 32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833 in tema di misure per la gestione dell'emergenza sanitaria legata alla diffusione della sindrome da Covid-19. Disposizioni in merito ai Centri estivi» è stato recepito il protocollo regionale per la riapertura in sicurezza, già da lunedì 8 giugno, dei Centri estivi dell’Emilia-Romagna destinati ai bambini e ragazzi tra i 3 e i 17 anni. Filo conduttore comune delle regole e dei requisiti messi a punto, garantire la massima tutela della sicurezza e della salute di bambini, ragazzi, educatori e familiari.

Fra le principali misure previste e da adottare: attività da svolgersi preferibilmente all'aperto, bambini e adolescenti organizzati in piccoli gruppi e seguiti sempre dagli stessi educatori senza mescolanze tra gruppi, entrate e uscite scaglionate, triage all'ingresso, attenzione ai contatti, pulizia e disinfezione costante degli ambienti e dei materiali.

Il Protocollo per la riapertura in sicurezza dei Centri estivi 

Indicazioni per garantire l’applicazione di procedure che perseguano la massima sicurezza

La procedura, coerente con le indicazioni ministeriali, è corredata da 4 flowchart che sintetizzano i percorsi dal punto di vista del:

  1. Gestore (pdf, 96.69 KB)
  2. PLS/MMG (pdf, 79.23 KB) (quest’ultimo nel caso di minore non più in carico al pediatra di libera scelta)
  3. Famiglie (pdf, 78.66 KB)
  4. Dipartimento di sanità pubblica aziendale (pdf, 77.84 KB) (DSP)

Le indicazioni per l’esecuzione del tampone naso faringeo

I tamponi naso faringei di cui alla determinazione n. 9216/2020 potranno essere eseguiti da parte delle Ausl di riferimento su richiesta degli enti gestori dei Centri estivi NON necessariamente prima dell'apertura del Centro stesso. L'esecuzione dei tamponi è a carico del Servizio Sanitario Regionale

Per gli operatori, volontari ed altro personale che opera presso i Centri estivi si ritiene indicata l’esecuzione del tampone nelle realtà che non avevano già programmato l’esecuzione del test sierologico.

Il corso per gli operatori dei Centri estivi

Il Sostegno alle famiglie per la frequenza nei centri estivi

A chi rivolgersi

Per il sostegno alle famiglie per la frequenza nei centri estivi:

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/27 11:22:00 GMT+2 ultima modifica 2020-07-06T12:50:27+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina